SERVICES

Fondi autotrasporto: grandi contro, piccoli a favore

Roma - «Misure a pioggia con ulteriore riduzione di i fondi per gli investimenti» il commento di Anita, associazione delle imprese di autotrasporto aderente a Confindustria. «Suddivisione equilibrata» per Confartigianato Trasporti

Roma - «Nonostante gli accordi già presi nell’incontro tenutosi a Verona in occasione del Transpotec, il ministero dei Trasporti ha voluto rimodulare la ripartizione delle risorse per il settore a vantaggio di misure a pioggia e riducendo ulteriormente i fondi destinati agli investimenti -. Lo evidenzia Anita, associazione delle imprese di autotrasporto aderente a Confindustria -. Dopo un primo taglio dei fondi per la formazione e per gli investimenti il ministero ha scelto di operare un ulteriore taglio che avrà l’effetto di disincentivare la formazione e gli investimenti a danno del settore, della competitività delle aziende e della crescita economica» commenta il presidente di Anita, Thomas Baumgartner. «Occorre dare una sterzata disincentivando l’uso dei veicoli Euro 3 oramai vecchi di oltre 13 anni ed invece di ridurre i fondi per gli investimenti, è necessario aumentarli. Soltanto un Paese che investe e si rinnova può reggere la competizione a livello internazionale» conclude Baumgartner, nell’auspicare che quanto prima venga istituito il fondo di 100 milioni euro promesso dal vice ministro dei Trasporti, Edoardo Rixi. L’Italia - ricorda Anita - ha il parco mezzi più vetusto d’Europa: il 19% è ancora di classe Euro 3 mentre i veicoli a gas più silenziosi e molto più puliti dei veicoli Euro 6 rappresentano appena il 2% dell’intero parco circolante.

«Come richiesto dalle nostre aziende, il ministero dei Trasporti ha finalmente provveduto alla ripartizione delle risorse per l’autotrasporto, suddividendo in modo equilibrato i 240 milioni per garantire lo sviluppo delle micro piccole e medie imprese del settore»: così il presidente di Confartigianato Trasporti Amedeo Genedani commenta l’accordo raggiunto tra governo ed associazioni in merito al riparto del fondo autotrasporto per il triennio 2019-2021. Secondo Confartigianato Trasporti «è di notevole importanza l’impegno di Rixi e del ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, a reperire ulteriori 20 milioni per l’anno 2019 per garantire gli importi delle deduzioni di artigiani e piccole imprese in continuità con l’anno passato e la partenza immediata del fondo da 100 milioni per il biennio 2019-2020 per il rinnovo del parco veicoli meno inquinanti e più sicuri. Le misure economiche sono fondamentali per la tenuta del settore - sostiene Genedani - ma è necessario accompagnarle con un sistema di regole per la redditività e regolarità degli autotrasportatori nel mercato ed il contrasto alla concorrenza illegale dei vettori esteri e delocalizzati».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››