SERVICES

Guerra aperta Enac-Art sulle tariffe

Roma - Guerra aperta tra Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac)e Autorità dei trasporti (Art) per le tariffe aeroportuali e la tutela dei passeggeri. Ad accendere la miccia è stato il presidente dell’Autorità, Andrea Camanzi

Roma - Guerra aperta tra Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) e Autorità dei trasporti (Art) per le tariffe aeroportuali e la tutela dei passeggeri. Ad accendere la miccia è stato il presidente dell’Autorità, Andrea Camanzi, che nel corso della annuale relazione al Parlamento ha affermato che «il modello tariffario adottato dall’Autorità per gli aeroporti di sua competenza permette un «migliore utilizzo della capacità aeroportuale» e «ha creato le condizioni per una riduzione significativa del costo a volo unitario e per un aumento del traffico di passeggeri, che negli aeroporti già regolati dall Autorità registra una variazione positiva rispetto all’anno precedente di molto superiore a quella media nazionale». Chiara l’allusione all’Enac, che ha competenza tariffaria per i cinque maggiori scali italiani: quelli romani, i milanesi e Venezia. Interpellato dall’Agi, il presidente dell’Enac, Vito Riggio, ha detto senza mezzi termini che «la competenza dell’Art in materia di tariffe aeroportuali, seppur limitate è del tutto ingiustificata dal momento che nel trasporto aereo c’è un altissimo livello di concorrenza. Le valutazioni di Camanzi - ha aggiunto - sono soggettive ed errate. Vorrei poi ricordargli che i modelli adottati sono quelli a suo tempo stabiliti dall’Enac». Stessi toni polemici anche sul tema della tutela dei passeggeri. Camanzi giudica anacronistico che contrariamente alle altre modalità di trasporto, la tutela di chi viaggia in aereo sia affidata all’Enac. Pronta la risposta di Riggio: «La decisione di affidare a noi la tutela dei passeggeri è stata assunta dal Parlamento che può sempre decidere in altro senso. Suggerisco di non farlo visto che l’Enac è l’unico ente ad avere una visione complessiva essendo poi presente in tutti gli aeroporti».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››