SERVICES

Confetra incontra Provenzano

Roma - «La portualità del Sud può giocare un ruolo importante rispetto ai traffici del Mediterraneo, già oggi, e rispetto ai traffici che si svilupperanno in maniera sempre più intensa con la nuova Africa» così ha sostenuto Nicolini nell’incontro avvenuto ieri a Palazzo Chigi con il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano

Roma - «La portualità del Sud può giocare un ruolo importante rispetto ai traffici del Mediterraneo, già oggi, e rispetto ai traffici che si svilupperanno in maniera sempre più intensa con la nuova Africa: area di libero scambio dallo scorso luglio e incubatore di 14 mila piccole e medie imprese manifatturiere cinesi» così ha sostenuto Guido Nicolini, presidente della confederazione generale italiana dei Trasporti e della logistica nell’incontro avvenuto ieri a Palazzo Chigi con il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano.

Si è fatto il punto sullo stato di attuazione del Pon Reti e infrastrutture, sulla nuova programmazione 2021-2027, sulle Zone economiche speciali, sullo stato di avanzamento delle opere collegate alla realizzazione delle Reti Ten-T: «Il Corridoio Baltico Adriatico deve arrivare fino a Brindisi, e quello Scan-Med va assolutamente chiuso. Vorremmo vedere l’Alta velocità Napoli-Bari finalmente viaggiare spedita. Poi va rapidamente affrontato e risolto il tema dell’incredibile esclusione delle imprese logistiche dai benefici del credito di imposta» ha fatto notare al ministro il coordinatore di Confetra Mezzogiorno, Domenico De Crescenzo.

Durante l’incontro è stata annunciata poi la convocazione, nella prossima primavera, della prima edizione degli Stati Generali della Logistica del Mezzogiorno, che sarà congiuntamente organizzata da Confetra Campania, Puglia e Sicilia.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››