SERVICES

La crisi industriale pesa sulla logistica

I dati della Nota congiunturale Confetra: nel semestre male traffici marittimi e aerei. Nicolini: «Le nostre imprese hanno bisogno di un Paese, alle spalle, che decida finalmente di occuparsi seriamente e strutturalmente di logistica».

Roma - La fotografia che emerge dalla Nota congiunturale del primo semestre 2019 elaborata dal Centro studi Confetra (confederazione generale italiana dei Trasporti e della Logistica) mostra in tutta evidenza la debolezza del ciclo industriale, che riflette soprattutto il perdurare delle tensioni commerciali a livello internazionale e il rallentamento dell’attività economica in Cina. La produzione industriale italiana - che fino allo scorso anno, nonostante la forte variabilità, era rimasta in media su valori positivi - inverte il segno e si attesta a - 0,8% indirizzando verso la stagnazione la movimentazione delle merci.

L’attività è stata sostenuta dall’interscambio con l’estero, che nonostante la flessione del commercio internazionale ha visto nel semestre una ripresa delle importazioni e una tenuta delle esportazioni soprattutto in ambito extra europeo. La componente europea risente della debolezza del ciclo industriale che ha investito tutte le principali economie dell’area euro. Tiene il traffico stradale nazionale che fa registrare un +2,3% in linea con il dato Aiscat della movimentazione dei veicoli pesanti nelle autostrade, mentre rallenta quello internazionale a carico completo che si ferma al -0,6% come evidenziato dalla medesima flessione dei transiti nei valichi alpini (+1,1%, ma contro il +3,3% dell’anno precedente). Il rallentamento evidenziato investe il ramo corrieristico che fa registrare un +1,8% nelle consegne nazionali (contro un +2,5% dell’anno precedente) e un +3,5% in quelle internazionali (contro un +4% del 2018).

Significativa la ripresa del trasporto ferroviario (+5% treni/km) che si contrappone al calo di quello aereo (-5,8% in tonnellate) la cui flessione era iniziata nella scorsa rilevazione (-0,4%). Continua il peggioramento del trasporto via mare; l’unico comparto che mantiene il segno positivo è quello containerizzato di destinazione finale (+4,3%, ma contro il +4,8% dell’anno precedente); passa in terreno negativo il traffico rotabile (-4,6%) ma nella rilevazione del dato aggregato potrebbe pesare la mancanza dei numeri di Livorno, Messina e Piombino, porti con traffici significativi.

Non si arresta la contrazione delle rinfuse liquide (-7,6%) e delle rinfuse solide (-2,3%) e continuano ad arretrare drammaticamente i trasbordi (-6,5%), peraltro con risultato di Gioia Tauro (-2,2%) meno negativo rispetto agli altri porti. Relativamente al fatturato, l’autotrasporto segna una tendenza in linea con quella del traffico, mentre le spedizioni internazionali mostrano un miglioramento dei margini nelle modalità stradale e marittima. Crolla il fatturato aereo (- 7,6%). Il quadro emerso si rispecchia nelle aspettative degli operatori per il secondo semestre del 2019.

Diminuiscono sia coloro che si aspettano una crescita (dal 31,1% al 29%) sia quelli che si aspettano un calo (dal 12,2% all’8,7%), mentre le aspettative di stabilità raggiungono il 62,3%, segno del dilagare del clima di incertezza e stagnazione che sta caratterizzando il mondo imprenditoriale del settore: «Le nostre rilevazioni - commenta Guido Nicolini, presidente di Confetra - ci confermano nella convinzione, peraltro empiricamente già oltremodo chiara ai nostri operatori, che siamo all’alba di una stagione di profonda regressione del ciclo economico. Il settore logistico, per quanto al proprio interno molto articolato e ricco di pluralità operative, non poteva non risentire nel suo insieme di una produzione industriale stagnante e di una generale condizione di incertezza del commercio globale. Ma è chiaro a tutti che la competizione internazionale avviene tra Stati e Continenti: guerra dei Dazi, Via della Seta, uscita dalla Gran Bretagna dall’Unione europea sono lì a ricordarcelo ogni giorno. Le nostre imprese hanno bisogno di un Paese, alle spalle, che decida finalmente di occuparsi seriamente e strutturalmente di logistica».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››