SERVICES

Nuovo affondo dei 5 Stelle contro la Tav: «Il bollino green è una favoletta»

Torino - «Tra le tante “favolette” che il carrozzone dei pro-Tav va raccontando in giro per convincersi di essere nel giusto, ce n’è una più assurda delle altre», dicono i 5 Stelle.

Torino - «Tra le tante “favolette” che il carrozzone dei pro-Tav va raccontando in giro per convincersi di essere nel giusto, ce n’è una più assurda delle altre. Da diversi giorni infatti è in atto una gara tra i sostenitori dell’assurdo tunnel per appiccicare il bollino “green” alla Torino-Lione. In nome della salutare “cura del ferro”, si tessono a destra e a manca lodi al progetto Tav sulle virtù ambientali dello stesso». Lo si legge in un post del Movimento 5 stelle pubblicato sul Blog delle Stelle.

«Ora: anche i bambini sanno che trasferire merci da gomma a rotaia può portare una diminuzione di polveri sottili ed inquinamento atmosferico. E generalmente infatti è così. Però il treno tanto caro a Lega, Pd, FdI, FI e compagnia è l’eccezione che conferma mestamente la regola, tante sono le controindicazioni in tema di sostenibilità ambientale che esso porta con sè». «Il climatologo Luca Mercalli, che da anni studia gli impatti ambientali della Torino-Lione, anche questa settimana ha ribadito una previsione agghiacciante: le prime riduzioni di Co2 si avranno soltanto nel 2045. Vale a dire tra un quarto di secolo abbondante», prosegue il post. «Prima di allora però, ai tir e ai camion che continueranno a viaggiare ed inquinare per le strade si aggiungerà lo scempio ambientale delle operazioni di scavo, delle talpe che succhieranno energia a man bassa e delle migliaia di metri cubi di roccia che andranno rimossi e trasportati per lo smaltimento non si sa bene dove».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››