SERVICES

Confetra: «Rivedere la piattaforma logistica»

Genova - «Bisogna ridiscutere la Piattaforma logistica nazionale, perché non può ridursi a essere soltanto un Port community system nazionale», ha detto ieri Ivano Russo, segretario generale di Confetra. La confederazione intanto apre i battenti della sua struttura dedicata alla Liguria

Genova - «Bisogna ridiscutere la Piattaforma logistica nazionale, perché non può ridursi a essere soltanto un Port community system nazionale», ha detto ieri Ivano Russo, segretario generale di Confetra, intervenendo alla Genoa Shipping Week. Russo ha partecipato a una sessione dedicata all’innovazione tecnologica nel settore portuale.

E la Piattaforma logistica nazionale, gestita da Uirnet su indicazione del ministero delle Infrastrutture e Trasporti, è uno dei progetti più importanti di innovazione tecnologica nel settore del trasporto merci che siano stati portati avanti in Italia negli ultimi anni.

La delusione per come è andato avanti il progetto, secondo il segretario di Confetra, è duplice: da un lato non è stato rispettato il suo obiettivo originale, che doveva coinvolgere tutto il settore logistico e non soltanto i porti: «Dovevano confluire nella Piattaforma tutti i soggetti della catena logistica, dai terminal ai magazzini, dagli interporti agli aeroporti. Troppi attori restano fuori da questa strategia. Servirebbe inoltre che anche le Autorità di sistema portuale fossero coinvolte nella definizione delle strategie di sviluppo. Il mondo è cambiato, bisogna rimettere tutti i pezzi intorno a un tavolo ». Dall’altro lato, anche come progetto che per il momento coinvolgerebbe soltanto i porti, è rimasto comunque incompiuto: «La Pln non può essere soltanto un sistema per i porti a livello nazionale. Ma anche in questo senso, non si è riusciti ancora a estenderlo oltre a pochi scali entrati fin dal principio, ossia Genova, Ravenna e in parte La Spezia. Siamo ancora a quel punto».


NASCE CONFETRA LIGURIA

Si è svolta a Genova, nell’ambito della Shipping Week, la riunione costitutiva di Confetra Liguria. Presieduta da Russo, hanno aderito le rappresentanze locali di Federagenti Assagenti, di Fedespedi, Fedit e Assologistica, Spediporto e le Territoriali di La Spezia e Savona, le rappresentanze liguri di Assocad, Uir, Anasped Alispedo, Assiterminal, Aiti, Trasportounito, Assofer, Fercargoe Ifa: «L’intero Sistema Confederale è presente in questa regione. Qui la multisettorialità della nostra rappresentanza è particolarmente ricca e radicata. Del resto parliamo di un territorio assolutamente strategico per la Portualità e la Logistica italiana ed europea. Presto incontreremo il governatore della Liguria, Giovanni Toti, per discutere di piano regionale infrastrutture e trasporti, crisi industriali, fondi europei Por ed Fsc: i primi tre dossier di rilevanza regionale sui quali vorremmo dire la nostra» ha dichiarato Russo. I soci ordinari territoriali della Confederazione hanno designato alla Presidenza di Confetra Liguria Alessandro Laghezza. Nelle prossime settimane sarà insediato il Consiglio Direttivo. Alessandro Pitto ha offerto, a nome di Spediporto, tutto il supporto organizzativo necessario. Luca Becce è intervenuto garantendo il contributo forte di Assiterminal all’iniziativa. Presenti, tra gli altri, Gilberto Danesi, Marco Conforti, Alberto Banchero, Giuseppe Tagnochetti.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››