SERVICES

Italia-Cina, gli Usa: a rischio il vostro ruolo nella Nato

New York - «Siamo molto preoccupati che quando il presidente cinese Xi visiterà Roma, l’Italia firmerà la Belt and Road Initiative, perché legittimerebbe un progetto politico, inviando il messaggio sbagliato a Pechino». L’amministrazione Trump usa un linguaggio molto diretto

New York - «Siamo molto preoccupati che quando il presidente cinese Xi visiterà Roma, l’Italia firmerà la Belt and Road Initiative, perché legittimerebbe un progetto politico, inviando il messaggio sbagliato a Pechino».

L’amministrazione Trump usa un linguaggio molto diretto per recapitare questo avvertimento al nostro governo, aggiungendo che l’adesione alla Bri minerebbe la collaborazione tra le aziende americane e italiane, e «l’interoperatività della Nato», mettendo in sostanza a rischio la nostra funzionalità nell’Alleanza.

L’iniziativa per questo colloquio di background con il nostro giornale è stata presa dalla Casa Bianca. Due alti funzionari hanno spiegato nei dettagli le riserve dell’amministrazione: «L’Italia così si separa dal resto del G7, e consente alla Bri di penetrare in Europa nel momento sbagliato, perché lo sforzo cinese di condurre la sua diplomazia del debito non sta funzionando. Negli ultimi due anni abbiamo visto una preoccupante corrispondenza tra il finanziamento e lo sviluppo delle infrastrutture secondo il modello cinese, e i problemi emersi nei Paesi partecipanti, incluso l’aumento del debito insostenibile e l’inefficienza dei progetti. In molti casi, come Gibuti, Sri Lanka, Kenya, Pakistan, Venezuela, la Cina ha collateralizzato il debito impossessandosi di asset sovrani. Infine c’è stato anche un effetto deleterio sulla trasparenza, la gestione della corruzione, e la governance economica ed istituzionale».

LEGGI L’ARTICOLO SUL SECOLO XIX

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››