SERVICES

Circle tra le aziende protagoniste al Forum Shipping & Intermodal Transport

Genova - La società presenterà la sua esperienza sui temi dell’IoT e dell’Industria 4.0 per l’ottimizzazione della catena logistica intermodale.

Genova - Circle - società di consulenza direzionale e supporto all’innovazione che offre servizi di analisi dei processi, progettazione di soluzioni tecnologiche per l’automazione e la digitalizzazione della catena logistica, e di sviluppo del business dei propri clienti attraverso i Progetti UE e cofinanziati - sarà una delle aziende protagoniste della 4° edizione del Forum Shipping & Intermodal Transport, in programma il prossimo lunedì 20 novembre a Genova. Concepito come un’importante giornata di confronto tra i più autorevoli esponenti del settore sull’impatto dell’Internet delle Cose (IoT) sulla gestione dei porti e della logistica, la digitalizzazione dei corridoi per connettere l’Europa, le tecnologie emergenti per l’industria dello shipping, le prospettive della Piattaforma Logistica Nazionale e il ruolo della cyber security, il Forum vedrà infatti la partecipazione del CEO di Circle, Luca Abatello, nell’ambito della sessione “Digital Transformation: tecnologie emergenti per l’industria dello shipping” con un intervento intitolato “Soluzioni IoT e Industria 4.0 per l’ottimizzazione della catena logistica intermodale: le esperienze concrete di Circle”.

Fondata nel 2012, in poco più di cinque anni Circle ha saputo delineare un proprio posizionamento distintivo nel settore portuale e della logistica intermodale e, nello specifico, su temi legati all’innovazione, quali Supply Chain 4.0, gestione ottimizzata delle componenti operative e doganali, e IoT applicato alla logistica. Inoltre, il prodotto di punta dell’Azienda, MILOS® - un software modulare pensato per terminal, porti, operatori logistici e caricatori in grado di unire i diversi attori della catena logistica semplificando la gestione del trasporto - è oggi in uso tra imprese di produzione di primaria importanza, quali Ikea e Noberasco, in diversi porti mediterranei, inland terminal (si veda, ad esempio, il caso di Lugo Terminal, che sta sperimentando i benefici legati all’integrazione di MILOS® con la suite SoftRail® resa possibile dalla partnership tra Circle e Binary System) e terminal portuali, come l’azienda terminalista del porto di Livorno Compagnia Impresa Lavoratori Portuali (CILP).

Nel caso di CILP, MILOS® è stato scelto perché in grado di rendere più efficienti i processi relativi alle attività industriali, logistiche e terminalistiche, e di scambiare informazioni digitali con le piattaforme utilizzate dai diversi soggetti esterni con cui il terminal interagisce, a partire dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale e gli altri attori della comunità portuale fino all’Agenzia delle Dogane, alle compagnie di navigazione, agli MTO e alle imprese ferroviarie che svolgono servizi afferenti al porto di Livorno. Inoltre, il progetto è completato da una componente Industria 4.0 che prevede l’utilizzo di tag RFID per l’ottimizzazione dei flussi di gestione degli autoveicoli, con significative semplificazioni operative, marittime e doganali. Un know-how distintivo, questo, che l’azienda guidata da Luca Abatello e Alexio Picco sta accrescendo ulteriormente con altre importanti esperienze che saranno condivise con i partecipanti al Forum del 20 novembre.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››