SERVICES

Pollicardo: «La nautica si ponga il problema ambientale»

Genova - «Anche la nautica deve porsi il problema ambientale. Lo shipping lo ha fatto, dobbiamo farlo anche noi».

Genova - «Anche la nautica deve porsi il problema ambientale. Lo shipping lo ha fatto, dobbiamo farlo anche noi». Lorenzo Pollicardo, direttore di Sybass e tra i principali esperti di nautica a livello nazionale, sprona gli agenti marittimi dello yachting radunato al quinto forum del lusso possibile a Porto Cervo.

«Le navi non hanno cercato alibi e hanno abbracciato le norme Imo 2020 per ridurre le emissioni di zolfo. A anche lo yachting che pure non utilizza il carburante pesante, deve porsi un problema ecologico». C’è un simbolo che secondo Pollicardo, va seguito: la Black Bird, barca a vela più grande al mondo, è l’esempio perfetto. «La barca può attraversare l’oceano senza consumare un litro di carburante, pur garantendo servizi di livello agli ospiti, grazie all’energia fornita dal vento - spiega il direttore di Sybass - Lo yachting può impattare ancora meno: serve una task force internazionale per mettersi in linea con gli obiettivi Imo, adottando misure su progettazione costruzione delle barche».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››