SERVICES

Difesa, Bahrein nel Golfo a supporto degli Usa

Manama - Le autorità del Bahrein hanno annunciato che contribuiranno agli sforzi degli Stati Uniti per proteggere le navi mercantili nel Golfo, in un contesto di tensioni tra Washington e Teheran dopo una serie di attacchi a navi cisterna nella regione

Manama - Le autorità del Bahrein hanno annunciato che contribuiranno agli sforzi degli Stati Uniti per proteggere le navi mercantili nel Golfo, in un contesto di tensioni tra Washington e Teheran dopo una serie di attacchi a navi cisterna nella regione. Il re del Bahrein, Hamad, ha elogiato «il ruolo degli Stati Uniti e il suo sostegno alla sicurezza e stabilità regionale» in un incontro con Kenneth McKenzie, comandante delle forze statunitensi in Medio Oriente, secondo l’agenzia di stampa ufficiale Bahraini Bna. Il re ha confermato la partecipazione del Bahrein a «sforzi congiunti per preservare la sicurezza del trasporto marittimo internazionale e garantire corridoi commerciali internazionali» nel Golfo, ha aggiunto Bna.

Le tensioni sono aumentate in questa regione strategica dal ritiro unilaterale degli Stati Uniti nel maggio 2018 dell’accordo nucleare iraniano, seguito dal ripristino di pesanti sanzioni contro l’Iran. Si sono intensificati nelle ultime settimane dopo gli attacchi alle petroliere nel Golfo, incolpati da Washington a Teheran, negando qualsiasi coinvolgimento. La Bna non ha chiarito se il Bahrein, sede della quinta flotta degli Stati Uniti, intendesse far parte della coalizione che gli Stati Uniti stanno cercando di costituire per scortare navi commerciali nel Golfo.

Mentre la maggior parte dei Paesi europei ha rifiutato l’offerta, temendo che ciò influenzerà i loro sforzi per salvare l’accordo nucleare iraniano, la Gran Bretagna ha affermato che prenderà parte dopo il sequestro, avvenuto il 19 luglio, di una petroliera battente bandiera britannica nel Golfo.

L’Iran ha sequestrato un totale di tre petroliere straniere nel Golfo nelle ultime settimane a seguito dell’arresto del 4 luglio di una petroliera iraniana da parte delle autorità britanniche al largo di Gibilterra, rilasciata domenica. Londra sospettava che quella petroliera consegnasse petrolio in Siria, sotto sanzioni europee, che negava Teheran. A luglio, il Bahrein ha dichiarato che ospiterà una conferenza degli Stati Uniti sulla «sicurezza della navigazione e dell’aviazione» prevista per ottobre.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››