SERVICES

Autotrasporto, Uggè: «Tir troppo vecchi, impossibile adeguarsi a norme Ue»

Genova - Il presidente di Conftrasporto: «Bruxelles vuole la riduzione del 15% delle emissioni inquinanti entro il 2025 e del 30% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2018

Genova - L’età media degli automezzi italiani adibiti al trasporto merci è di 13,5 anni e il 63,1% dell’intero parco circolante è di categoria euro inferiore alla 4. Sono i dati diramati dal ministero Infrastrutture e Trasporti al 31 dicembre 2018, che il vicepresidente di Confcommercio e di Conftrasporto ha commentato in occasione del suo arrivo a Transpotec, il Salone dei trasporti e della logistica in programma a Verona fino al 24 febbraio. «Con questi veicoli – afferma Paolo Uggè, vicepresidente Confcommercio-Conftrasporto e presidente della FAI, la Federazione degli autotrasportatori italiani - è impossibile che i nostri vettori possano adeguarsi alla recenti normative comunitarie in materia ambientale, che prevedono la riduzione del 15% delle emissioni inquinanti entro il 2025 e del 30% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2018».

«Oltretutto le maggiori città italiane stanno sempre più emanando provvedimenti che vietano l’ingresso nei centri urbani dei veicoli diesel inferiori alle categorie euro4, che comunque – aggiunge Uggè - hanno già più di dieci anni di vita. Continuando di questo passo sarà impossibile, per molte imprese di autotrasporto, soprattutto quelle monoveicolari o con un parco disponibile ridotto, continuare a lavorare» .

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››