SERVICES

Varo tecnico per la Costa Firenze

Genova - Costa Firenze è la nave gemella di Costa Venezia, nave costruita per il mercato cinese.

Venezia - Mentre in quel di Turku la consegna di “Costa Smeralda” ha già subito due rinvii, prosegue speditamente la costruzione di "Costa Firenze” nello stabilimento Fincantieri di Venezia-Marghera. Oggi è stata la volta di un altro importante passaggio nel processo produttivo di questa nave con il varo tecnico avvenuto puntuale come un orologio svizzero, preceduto dalla tradizionale cerimonia della moneta. Il fumo che usciva dal fumaiolo giallo indica che i motori diesel sono già in moto dando vita al cuore pulsante della nuova unità.

Questa nave commissionata dal gruppo Carnival per la divisione asiatica di Costa Crociere, raggiungerà nell’autunno del 2020 la gemella “Costa Venezia”, già impegnata nei mari cinesi dalla scorsa primavera. Il successo di quest’ultima è stato tale che ha spinto Costa a cancellare la breve stagione inaugurale europea di “Firenze” per spedire in tutta fretta la nave in Cina. Infatti dopo la consegna programmata per il 30 settembre 2020 l’unità lascerà lo stabilimento veneziano vuota ed effettuerà il trasferimento senza passeggeri verso il suo home port di Singapore dove è attesa il 20 ottobre venturo. Il mercato crocieristico cinese ha un grande potenziale che nel giro di una decina d’anni dovrebbe farlo diventare il secondo al mondo. Nell’ultimo biennio c’era stato un rallentamento di questo vertiginoso sviluppo, dovuto principalmente al sistema di vendita.

Ma questa fase sembra in via di superamento e i margini di crescita sono enormi visto che meno del 2% dei cinesi che vanno all’estero per le loro vacanze optano per una crociera. Costa Crociere ha avuto un ruolo pioneristico nel far conoscere in Cina le vacanze sul mare, è presente su quel mercato dal 2006, quindi le sue radici in quell’area sono molto solide. Le navi di Costa Asia offrono a bordo il concetto di “Italy at sea”, cioè il meglio che il nostro Paese può offrire. La popolarità dell’Italia in Cina è grande ed oggi si aggiunge un ulteriore tassello, cioè il fascino della Firenze rinascimentale a cui la nuova nave Costa si ispira; “Firenze”, quinta nave della classe Vista, ha una stazza lorda di oltre 135 mila tonnellate, è lunga fuori tutto 323 metri, larga 37,2 e con 2.116 cabine sarà in grado di ospitare 5.260 passeggeri. Con questo cruise liner non si esaurirà questa serie di navi, infatti la piattaforma Vista è stata scelta per le prime grandi navi di costruzione cinese per il mercato domestico.

L’anno prossimo, con il trasferimento di “Costa Altantica” da Costa Asia alla nuova società Cssc Carnival Cruise Shipping, nascerà un nuovo marchio dedicato al mercato cinese che in futuro opererà con navi realizzate nel proprio cantiere di Shanghai. Questo si inquadra in una strategia a lungo termine che coinvolge Carnival Corporation, Fincantieri e i cantieri cinesi di Cssc. Partner di questa impresa sarà proprio Fincantieri dove l’intuizione di Giuseppe Bono permetterà di aprire a molte aziende subfornitrici italiane un mercato ancora inesplorato. Le prime due nuove navi “cinesi” saranno consegnate nel 2023 e nel 2024 (con ulteriori quattro in opzione). Per il cantiere di Marghera questo è un periodo molto intenso.

Partita la scorsa settimana la “Carnival Panorama”, il bacino dove è stata montata “Firenze” resterà vuoto per poco, visto che a breve è prevista l’impostazione della Ryndam di Holland America Line. Poi sarà la volta della mega commessa di Norwegian Cruise Line che impegnerà questo cantiere per diversi anni, mentre nel frattempo sta cambiando il suo volto grazie a forti investimenti sull’impiantistica.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››