SERVICES

Lo strano caso dell’uomo caduto in mare dalla nave da crociera

Genova - In viaggio ai Caraibi con la moglie, un imprenditore amico delle celebrità cade da uno dei ponti della Symphony of the Seas. Ma la Guardia Costiera americana non può indagare.

Genova - Un uomo di quasi 40 anni è finito in mare la notte del 13 agosto, cadendo da uno dei ponti della Symphony fo the Seas. La nave da crociera di Royal Caribbean era in viaggio nelle Virgin Islands, quando alle 3 di notte del 14 agosto è stato dato l’allarme “uomo in mare”. Su twitter sono stati subito pubblicati i primi aggiornamenti: il corpo dell’uomo è stato poi recuperato da una pilotina.

Non ci sarà però nessuna indagine della Us Coast Guard perché la nave è registrata alle Bahamas, la vittima dell’incidente non è un cittadino americano e i fatti si sono svolti in acque internazionali, come riporta il Miami Herald.

La vittima
Il corpo recuperato è di Jonathan Pfahl, uomo d’affari australiano che da anni viveva in Inghilterra. SI tratta di una figura nota nell’ambiente dell’imprenditoria e delle celebrità inglesi e americane perché anni fa aveva fondato una grossa società di consulenza chiamata Rockstar Group.

Leggi anche: “Cade in mare da nave da crociera, ipotesi omicidio”

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››