SERVICES

Venezia, tre ore di dibattito sulle grandi navi da crociera

Genova - Parole, proposte e dubbi che saranno portati aToninelli in attesa di un nuovo incontro entro fine agosto, per poi trarre le conclusioni a settembre.

Genova - Ben tre ore di “giro di tavolo” con tutti i soggetti coinvolti che hanno detto la loro, Comune di Venezia e Regione Veneto esclusi perché non invitati dal Mit, sulla questione Grandi navi a Venezia.

Questo per cercare di accelerare sulla distribuzione diffusa e provvisoria del sistema crocieristico che oggi transita per San Marco e la Giudecca. Parole, proposte e dubbi che si aggiungono a quelle dei mesi scorsi e che saranno portati al ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli in attesa - si è appreso - di un nuovo incontro entro fine agosto, per poi trarre le conclusioni a settembre.

Mai citate le decisioni del Comitatone del 2017, con soluzione Canale dei Petroli-Marghera per le navi maggiori con l’appendice Canale Vittorio Emanuele per le più piccole destinate alla marittima.

Di fatto si è valutato come distribuire, a seconda di stazza e disponibilità di banchine e loro lunghezze, le navi lungo l’asse della zona industriale da Fusina a Marghera. Con la certezza degli operatori che solo le navi più piccole (tutte entrando dal Lido-Alberoni per il Canale dei Petroli) potranno andare a Fusina (50mila tonnellate) mentre le altre (dalle 60mila in su) dovranno essere “sparse” addirittura fino a Porto Marghera. Tra i tanti problemi sollevati quello della gestione dei crocieristi. A nave attraccata scatta il problema di portarli verso il centro storico di Venezia con tanto di bagagli ma anche gli aspetti della sicurezza con le forze dell’ordine chiamate a coprire un’area variabile che appare ingestibile senza le dovute risorse di uomini e mezzi. Infine l’assistenza alle navi stesse, ovvero le forniture.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››