SERVICES

In viaggio con “AidaNova” / GALLERY

Santa Cruz de Tenerife - E il fumo dov’è? Questa la prima impressione dopo un viaggio tra Canarie e Madeira con “AidaNova”. Infatti non sono mai state notate particolari emissioni da parte del fumaiolo della nuova ammiraglia di Aida Kreuzfahrten

Santa Cruz de Tenerife - E il fumo dov’è? Questa la prima impressione dopo un viaggio tra Canarie e Madeira con “AidaNova”. Infatti non sono mai state notate particolari emissioni da parte del fumaiolo della nuova ammiraglia di Aida Kreuzfahrten (marchio del gruppo statunitense Carnival, all’interno di Costa Crociere) nel corso della permanenza a bordo.

Questa nave è la prima al mondo a poter esser alimentata anche in navigazione con il gas naturale liquefatto che viene regolarmente rifornito settimanalmente nel corso della sosta a Santa Cruz de Tenerife. Con “AidaNova” l’industria crocieristica ha intrapreso una svolta verde che permetterà di abbattere notevolmente le emissioni inquinanti delle navi passeggeri. La generazione elettrica di questa unità è garantita da quattro motori ad alimentazione duale Caterpillar/Mak per una potenza installata di 61,76 megawatt. Dispone di tre serbatoi per lo stoccaggio del gas naturale liquefatto: due da 1.550 metri cubi di capacità ciascuno e un altro più piccolo da 520 metri cubi. L’autonomia a pieno carico di questa nave è di circa due settimane di operatività in modalità Gnl (che può variare in base alla velocità di navigazione). Ovviamente parlando di motori dual fuel, quest’ultimi possono essere alimentanti anche con il tradizionale gasolio a basso tenore di zolfo o con il carburante tradizionale. Questo prototipo è il primo di una serie di nove navi ordinate da Carnival al gruppo tedesco Meyer che le realizzerà nei propri cantieri di Papenburg e Turku. I marchi a cui saranno destinate sono Aida, Costa, Carnival e P&O.

Al momento “AidaNova” è la quinta nave da crociera più grande al mondo (seconda solo ai giganti di classe Oasis di Royal Caribbean), questi i suoi numeri: 183 mila tonnellate di stazza lorda, 337 metri di lunghezza fuori tutto, 42 metri di larghezza al galleggiamento e un pescaggio di 8,8 metri.

La propulsione è garantita da due azipod Abb da 18,5 MW che le permettono di raggiungere una velocità massima di 21 nodi, mentre quella di servizio si attesta sui 17. La nave ha a disposizione per gli ospiti 2.626 cabine per alloggiare a bordo un massimo di 6.654 passeggeri. Essendo la compangnia Aida parte del gruppo Costa, tutte le sue navi battono bandiera italiana e sono quindi immatricolate a Genova. L’organizzazione della ristorazione a bordo delle navi di Aida si distingue da quella di qualunque altra compagnia. Infatti sulle loro navi tutti i pasti sono serviti nei buffet, mentre se si vuole cenare serviti bisogna optare per i ristoranti complementari a pagamento. La nuova ammiraglia dispone di cinque buffet che sono aperti a rotazione nel corso di tutta la giornata, da mattina a sera. La varietà e la qualità dei cibi è eccellente, senza dimenticare che sono presenti comodissimi distributori degli analcolici più conosciuti. Inoltre ai tavoli c’è sempre a disposizione la caraffa d’acqua frizzante e alla sera anche quella del vino. Chi invece cerca qualcosa di più ricercato ecco una variegata scelta tra i ristoranti di specialità: troviamo quello italiano, francese, giapponese e l’immancabile griglieria.

Sicuramente il simbolo delle abitudini culinarie tedesche è la Brauhaus; questo salone rappresenta una Oktoberfest in miniatura, dove i crocieristi possono mangiare i piatti tipici della cultura culinaria germanica accompagnati da musica tradizionale dal vivo. Il Theatrium, a centro nave che funge sia da atrio che da teatro, e il Beach club, il lido coperto per le feste a bordo piscina, sono il centro della vita di bordo. Va citata inoltre la spa, una delle più grandi realizzate a bordo di una nave che si caratterizza per essere unisex nel rispetto della cultura tedesca.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››