SERVICES

Bruxelles: «I porti paghino le tasse» / IL CASO

Genova - Nel mirino della Commissione i bilanci delle Authority: a rischio 100 milioni. Già minacciata l’apertura di una procedura di infrazione

Genova - L’ultima bacchettata dell’Europa all’Italia vale 100 milioni e rischia di far saltare il cuore del sistema logistico del Paese: i porti. Ad inizio aprile è arrivata al governo italiano una comunicazione della Dg Competition, la divisione della Commissione che si occupa della concorrenza, con la minaccia di un’apertura della procedura di infrazione che rischia di mettere in ginocchio i nostri scali. Nelle tredici pagine inviate a Roma, si accusano i porti italiani di non aver mai pagato le tasse: la conseguenza, secondo Bruxelles, è aver fatto concorrenza sleale alle altre banchine europee e per lo Stato italiano, aver rinunciato ad una parte di entrate. In quasi cinque anni di scambio di lettere, perché il faro dell’Ue è partito nel 2013, l’Italia non è riuscita a convincere la Commissione del grande equivoco: le Autorità portuali sono emanazione dello Stato e le tasse le raccolgono, sono enti regolatori, non imprese private. A Bruxelles non importa, per l’Europa si tratta di aiuti di Stato impropri. «Con l’esenzione dalle tasse alle Autorità portuali italiane, che sono coinvolte in attività economiche, l’Italia rinuncia a una parte di entrate che costituiscono risorse economiche per lo Stato. Così la misura di esenzione - è scritto nella lettera - si configura come perdita per le casse centrali». Di più: l’Europa «ritiene che la misura dell’esenzione distorce, o minaccia di farlo, la concorrenza e influenza negativamente i traffici merci dentro l’Unione».

«Come le imprese»

La Commissione è convinta che le Autorità di sistema portuale svolgano attività economica, perché rilasciano concessioni e autorizzazioni. Le tasse portuali e i canoni dovrebbero essere quindi essere soggetti alle imposte sui redditi. E così per Bruxelles «il vantaggio fiscale ai porti rafforza la posizione finanziaria di alcune imprese in concorrenza con altre che non beneficiano di vantaggi similari e le autorità portuali italiane godono di vantaggi che possono essere utilizzati per offrire tariffe più basse rispetto ai porti non sussidiati». All’Europa non interessa che le Autorità portuali abbiano il solo compito di amministrare, per conto dello Stato, le aree demaniali. È come se venissero considerate imprese, invece che pubblica amministrazione e lo Stato dovrebbe così pagare le tasse a sé stesso. Bruxelles ritiene che l’Italia abbia garantito aiuti di stato non dovuti ai porti, almeno dal 1958, anno del trattato di Roma, atto di nascita della comunità economica europea. Per fortuna non ci chiederanno di restituire gli arretrati. Ma i porti italiani dovranno alzare le tasse portuali per far fronte alle richieste dell’Europa. Le concessioni e le autorizzazioni pesano per il 50% dei bilanci delle Authority: è un’operazione che vale 100 milioni di euro, calcolati dalla cifra delle entrate del 2016. Per coprire le minori entrate i porti dovranno alzare le tasse del 30-40%.

Il Mediterraneo nel mirino

L’Europa aveva iniziato con gli olandesi 5 anni fa. Poi è toccato a Francia e Belgio l’estate scorsa: tutti i porti di questi Paesi si sono dovuti adeguare, dopo il faro aperto dalla Commissione. O ra tocca a Spagna e Italia, i porti che, seppur a fatica, erodono quote di mercato ai potenti scali del Nord Europa. «Sarà un caso?» si chiede una fonte politica di Bruxelles. La strada ora è obbligata e senza sbocco: servirebbe un pressing politico del governo nella fase di trattativa che si apre ora e poi dovrebbe scattare il ricorso alla Corte di Giustizia europea. Senza esecutivo e con i tempi stretti, il rischio è altissimo: i bilanci delle Authority potrebbero saltare e le tasse, come i futuri canoni concessori, dovranno essere rivisti al rialzo. Il Belgio sta provando a ribaltare la decisione, ma c’è pessimismo sull’esito del ricorso: difficilmente l’euroburocrazia smentisce sé stessa. Se tutto andrà per il peggio, il conto salato dovrà essere pagato dal 2020. Gli operatori subiranno gli aumenti necessari per far fronte all’esborso e qualcuno potrebbe anche decidere di andarsene. La decisione della Commissione cancella una parte cruciale della riforma entrata in vigore da poco più di un anno e firmata dal ministro Graziano Delrio, rischiando di far esplodere il sistema portuale italiano.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››