SERVICES

Arabia Saudita, la Cina condanna gli attacchi delle raffinerie

Pechino - La Cina ha condannato gli attacchi a due impianti del gigante petrolifero saudita Aramco rivendicati dai ribelli Houthi dello Yemen.

Pechino - La Cina ha condannato gli attacchi a due impianti del gigante petrolifero saudita Aramco rivendicati dai ribelli Houthi dello Yemen, rafforzando il linguaggio prudente usato lunedì, con cui aveva chiesto «moderazione» a Stati Uniti e Iran, aggiungendo di ritenere «non molto responsabile» attribuire colpe rispetto agli attacchi in assenza di indagini conclusive sull’accaduto. «La Cina condanna questi attacchi agli impianti dell’Arabia Saudita e si oppone a qualsiasi attacco su civili o su strutture civili», ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, Hua Chunying, ribadendo l’invito a tutte le parti coinvolte a non intraprendere azioni che possano favorire un’escalation delle tensioni in Medio Oriente. Le parole della portavoce giungono a poche ore dalle dichiarazioni del presidente Usa, Donald Trump, che aveva indicato che l’Iran potesse essere dietro gli attacchi, ma precisando di non volere una guerra nella regione.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››