SERVICES

Crolla un altro viadotto, i 5 Stelle all’attacco della Gronda di Genova

Genova - «La natura si sta ribellando, altro che parlare di nuovi buchi nelle montagne! Dobbiamo insistere nel percorso di messa in sicurezza contro il rischio idrogeologico, come sta facendo il ministro Sergio Costa».

Genova - «La natura si sta ribellando, altro che parlare di nuovi buchi nelle montagne! Dobbiamo insistere nel percorso di messa in sicurezza contro il rischio idrogeologico, come sta facendo il ministro Sergio Costa». Così il sottosegretario alle Infrastrutture Roberto Traversi (M5s), intervistato dal Secolo XIX. In merito all’opportunità che l’agenzia Ansfisa per la sicurezza delle infrastrutture, creata con il Decreto Genova oltre un anno fa e non ancora operativa, debba occuparsi anche del contesto in cui sono inserite le autostrade oltre che dei controlli sui viadotti e gallerie, «non lo so ma qualcosa va studiato, anche perché abbiamo visto di recente cosa è successo a Genova, con l’autostrada che scaricava l’acqua sulla ferrovia», osserva Traversi, secondo il quale «serve un grande piano di monitoraggio che tenga conto anche dei versanti e di un clima che non è più quello di quando furono costruite queste autostrade. Vale anche per i progetti futuri, come quello della Gronda: per risolvere problemi di viabilità rischiamo di crearne altri».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››