SERVICES

Scontri in Libia, i morti salgono a trecento

Tripoli - È il bilancio aggiornato ad oggi reso noto dal presidente dell’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) Foad Aodi, in diretto contatto con i medici libici negli ospedali e nelle zone del conflitto.

Tripoli - Salgono a trecento i morti in Libia a causa degli scontri in atto: tra le vittime si contano 90 bambini e 100 donne. È il bilancio aggiornato ad oggi reso noto dal presidente dell’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) Foad Aodi, in diretto contatto con i medici libici negli ospedali e nelle zone del conflitto. I medici libici, afferma Aodi, riferiscono che la notte scorsa è stata caratterizzata da «attacchi aerei su Tripoli da parte dell’esercito utilizzando aerei senza pilota con numerosi danni alle abitazioni, morti e feriti sotto le macerie». Gli sfollati, secondo l’Amsi, sono più di 40 mila, di cui il 50% donne e il 25% minorenni. I medici libici rendono inoltre noto che nei prossimi giorni saranno operate 45 donne e minorenni da un chirurgo francese presso l’ospedale di Bengasi.

***

Khalifa Haftar «tenta di ripetere in miniatura le gesta di Hitler», è solo l’ultimo esempio di «minaccia alla regione del Maghreb, che è indivisibile»: così il ministro dell’Interno del governo di accordo nazionale libico, Fathi Bashaga, incontrando a Tunisi l’omologo Hisham al Furati. «Il Maghreb arabo è in pericolo, a meno che i suoi Paesi non si uniscano contro la dittatura, Tripoli è solo l’inizio», ha ammonito Bashaga. La Tunisia ha ribadito l’appello all’immediata cessazione delle ostilità e rilanciato l’importanza del processo politico, sotto l’egida Onu, come unico modo per risolvere la crisi. Il colloquio è stato anche l’occasione per discutere di come facilitare l’accoglienza dei feriti dell’esercito libico nelle cliniche tunisine. In una dichiarazione ai media locali Bashaga ha poi denunciato come l’offensiva di Haftar su Tripoli abbia riattivato i gruppi terroristici tornati ad essere attivi nell’area e sottolineato l’impegno nella lotta al terrorismo da parte del governo di Tripoli.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››