SERVICES

Toninelli: «Rischio il posto perché do fastidio»

Roma - «Rischio la poltrona perché do fastidio. Autostrade è il peggio di questo Paese». Lo dice il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli.

Roma - «Rischio la poltrona perché do fastidio. Autostrade è il peggio di questo Paese». Lo dice il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, in una intervista alla Stampa e al Secolo XIX, in cui attacca Autostrade per le lamentele contro l’esclusione dalla ricostruzione di Ponte Morandi, promette che sulla rete non ci saranno aumenti dei pedaggi, e prende l’impegno per una risposta definitiva sulla Tav entro maggio. «Quel che conta nella vita - spiega sollecitato sulle ipotesi di sue dimissioni - è imparare dai propri errori. Non ho nulla di cui pentirmi, perché ciò che faccio è nell’interesse esclusivo degli italiani. Ho fatto qualche gaffe? Forse. Ma sapete che dico? Meglio fare gaffe che intascare mazzette». Quindi, sul ponte di Genova aggiunge: «Spero di inaugurare il nuovo ponte di Genova tra un anno per un suo pieno utilizzo a inizio 2020».
Toninelli respinge anche la rivendicazione di autostrade di voler ricostruire il ponte: «Chi sostiene la tesi secondo la quale con Autostrade si sarebbe fatto prima - afferma - è un ultrà di quell’azienda. Chi farebbe ricostruire casa sua da chi gliel’ha fatta crollare?». Sull’ipotesi di rivedere il contratto con la Lega, il ministro osserva: «Non ci vedo nulla di male. Noi e la Lega siamo partiti da posizioni distanti su molti temi: la convivenza al governo è un ottimo esempio di democrazia».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››