SERVICES

Carige, Mincione presenta il secondo esposto

Genova - Continua la battaglia legale a pochi giorni dall’assemblea di Carige. La Pop12 di Raffaele Mincione ha presentato un nuovo esposto alla Consob contro Malacalza Investimenti, accusandola di aver svolto attività di sollecitazione di deleghe senza autorizzazione

Genova - Continua la battaglia legale a pochi giorni dall’assemblea di Carige. La Pop12 di Raffaele Mincione ha presentato un nuovo esposto alla Consob contro Malacalza Investimenti, accusandola di aver svolto attività di sollecitazione di deleghe senza autorizzazione. Nell’esposto viene avanzato il sospetto che Malacalza avrebbe sollecitato deleghe in violazione di quanto previsto dal Tuf e dal Regolamento Emittenti. Dopo quello di Malacalza contro il suo avversario accusato di diffondere «informazioni fuorvianti», Mincione ha risposto con due esposti: oltre a quello sulle deleghe, il finanziere romano ne ha presentato uno anche su «possibili manipolazioni del mercato».

La mossa si inserisce nella grande caccia ai consensi in vista dell’assemblea del 20 che deciderà le sorti della governance della Banca. In questi giorni si stanno raccogliendo le deleghe per il voto e Mincione, da quanto si apprende, accusa la Malacalza Investimenti di non avere tutte le carte in regola. Intanto sabato potrebbe arrivare la decisione del tribunale di Genova sul ricorso d’urgenza presentato dal principale azionista di Carige, Vittorio Malcalza, per escludere la lista dei pattisti, Mincione, Volpi e Spinelli, dalla competizione. Prima del voto comunque saranno le battaglie a carte bollate il terreno di scontro tra i due contendenti.

Sul fronte delle alleanze invece Sga che ha ridotto la propria partecipazione al di sotto del 4,99%, potrebbe decidere rinforzare le fila del fronte terzo, quello dei fondi. Assogestione dopo aver incassato l’appoggio dei fondi comuni e degli hedge, potrebbe ottenere anche il gradimento della controllata dal Tesoro.

I fronti dopo il record date di martedì, rimangono così cristallizzati: Malacalza, come anticipato dal Secolo XIX ha sfondato quota 27% per avvicinarsi a quella autorizzata dalla Bce (28%). I pattisti guidati da Mincione sarebbero vicini al 15,2%, ma godrebbero anche dell’appoggio e dei voti dei fondi, con un gradimento superiore a qui numeri.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››