SERVICES

Banca Carige, la partita a scacchi fra soci in vista dell’assemblea

Genova - In attesa dell’assemblea del 20 settembre, teatro della sfida per il controllo della banca tra la famiglia Malacalza e Raffaele Mincione, Carige archivia la seduta di Borsa perdendo il 2,15% a quota 0,0091 euro.

Genova - In attesa dell’assemblea del 20 settembre, teatro della sfida per il controllo della banca tra la famiglia Malacalza e Raffaele Mincione, Carige archivia la seduta di Borsa perdendo il 2,15% a quota 0,0091 euro.

I mercati finanziari, tuttavia, sembrano non avere accusato la crisi di governance che da un mese a questa parte ha travolto l’istituto ligure: negli ultimi 30 giorni il titolo ha guadagnato il 4,6% malgrado la battuta d’arresto registrata dopo il downgrade di Moody’s e negli ultimi sei mesi l’apprezzamento ha sfiorato i 25 punti percentuali. Segno che, spiegano fonti finanziarie, «i movimenti sull’azione prescindono dalle questioni di governance e che gli acquisiti sono maggiori delle vendite». Chi compra?

Il primo azionista Malacalza Investimenti possiede il 20,6% del capitale ed è autorizzato da Bce a salire sino al 28%. Sul fronte opposto Raffaele Mincione controlla ufficialmente il 5,4% ma è intenzionato a portarsi sino al 9,9% e, secondo quanto da lui affermato, sarebbe già a metà strada. Pur partendo da una posizione più forte, la famiglia Malacalza potrebbe avere bisogno di stringere alleanze se Mincione e Gabriele Volpi (9%) decidessero di unire le forze insieme ad altri fondi italiani e stranieri.

Già a fine agosto, con la presentazione delle liste per la nomina del nuovo consiglio di amministrazione, sarà possibile capire a chi andrà il controllo di Carige. Secondo fonti finanziarie un ruolo importante potrebbe essere giocato da Assogestioni. Indiscrezioni rivelano come l’associazione non abbia ancora deciso se presentare o meno una lista (la volta scorsa la lista fu presentata e il consigliere di lista che entrò in cda è Giulio Gallazzi, l’uomo che dopo la raffica di dimissioni ha assunto la presidenza della banca). Proprio Assogestioni potrebbe canalizzare le quote dei fondi italiani e internazionali diventando così un ago della bilancia tanto quanto lo sono Volpi e il mondo cooperativo.

Dopo le dimissioni di Vittorio Malacalza e di (quasi) tutti i consiglieri malacalziani il cda guidato da Paolo Fiorentino è intanto rimasto in carica per un solo consigliere: Giuseppe Pericu, che deciderà cosa fare al rientro dalle ferie. Se anche l’ex sindaco di Genova si dimettesse, il consiglio resterebbe comunque operativo per l’ordinaria amministrazione sino all’assemblea.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››