SERVICES

Il marchio Permasteelisa venduto ai cinesi di Grandstand

Tokyo - La multinazionale italiana di costruzioni Parmasteelisa è stata ceduta dai giapponesi della Lixil al gruppo cinese Grandland per 467 milioni di euro

Tokyo - La multinazionale italiana di costruzioni Parmasteelisa è stata ceduta dai giapponesi della Lixil al gruppo cinese Grandland per 467 milioni di euro. L’acquisizione del marchio, si spiega nel comunicato, consentirà a Parmasteelisa di unire le proprie complementarità con un’altra azienda leader di mercato di dimensioni globali. L’attuale a.d di Parmasteelisa, Riccardo Mollo - che ricoprirà lo stesso ruolo dopo il completamento dell’integrazione - ha assicurato che la società italiana manterrà la sua autonomia a livello operativo.

Con un giro d’affari di 1,4 miliardi di euro, il gruppo italiano fondato nel 1973 e con sede a Vittorio Veneto, è tra i leader mondiali nei rivestimenti architettonici in vetro e acciaio per edifici, ed è conosciuta per aver completato le coperture in vetro della Sydney Opera House, il grattacielo Shard a Londra e la nuova sede del centro direzionale della Apple a Cupertino, in California. La cinese Grandland, di base nello Shenzen, ha registrato un fatturato di 10,86 miliardi di renmimbi nel 2016 ed è considerata tra le 500 società cinesi più influenti a livello di costruzioni decorative e architettoniche.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››