SERVICES

Acciaio, Vesuvius licenzia 181 persone in Italia

Cagliari - È ufficiale: i 181 dipendenti degli stabilimenti Vesuvius di Macchiareddu (Cagliari) e Avezzano, in Abruzzo, non hanno più un lavoro.

Cagliari - È ufficiale: i 181 dipendenti degli stabilimenti Vesuvius di Macchiareddu (Cagliari) e Avezzano, in Abruzzo, non hanno più un lavoro. La procedura di licenziamento collettivo, avviata dalla multinazionale inglese dell’acciaio il 26 settembre scorso, si è perfezionata ieri al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. «Ai lavoratori licenziati con la qualifica di impiegato, operaio e quadro - è scritto nell’accordo firmato ieri da Vesuvius e i sindacati (Femca Cisl, Filctem Cgil e Uiltec Uil) - la Società si impegna a corrispondere un incentivo all’esodo».
Il licenziamento sarà intimato entro il 31 dicembre. «Constatiamo che gli incontri svolti al Mise, le interrogazioni dei deputati, gli interventi delle istituzioni e le iniziative messe in campo dai lavoratori - commenta Giampiero Manca di Filctem Cgil - non hanno impedito alla Vesuvius il compimento del disegno illustrato il 16 settembre di chiudere gli stabilimenti italiani, pur mantenendo il mercato italiano, ma producendo nell’est Europa». «Siamo inoltre rammaricati - continua il sindacalista - per il fatto che si perde un altro pezzo dell’industria sarda, un’industria di nicchia che dagli anni Ottanta forniva pezzi speciali all’acciaieria Ilva, e che venga dispersa la professionalità che i lavoratori hanno acquisito negli anni». Infine, «da parte nostra rimane l’impegno di incalzare la multinazionale e le istituzioni al rispetto dell’accordo sottoscritto al fine di trovare soluzioni che contemplino la reindustrializzazione e la riconversione del sito per tutelare i 105 dipendenti sardi disoccupati dall’1 gennaio».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››