SERVICES

Logistica, la Cina pronta a investire sui robot-corrieri

Pechino - In Cina sono stati presentati alcuni innovativi robot logistici presso un centro espositivo di una stazione di consegna intelligente in fase di costruzione a Guiyang.

Pechino - In Cina sono stati presentati alcuni innovativi robot logistici presso un centro espositivo di una stazione di consegna intelligente in fase di costruzione a Guiyang, capoluogo della provincia sud-occidentale del Guizhou. I cinque robot, completamente carichi di pacchi, possono dirigersi verso la propria destinazione, seguendo automaticamente le istruzioni inviate tramite clic su di un semplice schermo di controllo. Ogni dispositivo costituisce un mezzo di carico semovente, dotato di 30 alloggiamenti dedicati alla merce in consegna e capace di raggiungere velocità comprese tra i 5 e i 15 chilometri all’ora. Questi robot osservano attentamente le regole del traffico grazie a un sistema dotato di pilota automatico. «Un monitoraggio completo dell’ambiente circostante tramite radar e sensori può aiutare il corriere intelligente a evitare pedoni e blocchi stradali», ha detto Ma Xiaoyong, membro del personale del centro citato.

«I clienti riceveranno un messaggio di testo per ritirare la merce in consegna», ha aggiunto il funzionario. «I robot possono distinguere i clienti tramite riconoscimento facciale o password e tornano alla stazione dopo aver effettuato tutte le consegne previste». Il centro logistico robotizzato di Guiyang dovrebbe diventare operativo già da quest’anno. Si tratta del terzo di questo genere inaugurato dal gigante cinese dell’e-commerce JD.com, dopo quello aperto nella provincia centrale cinese del Hunan e quello nella Regione Autonoma della Mongolia Interna, nel nord del Paese asiatico. «Vogliamo utilizzare i robot per rendere sicure ed efficienti le consegne al cliente finale», ha detto Ma. Secondo il già citato funzionario del centro logistico, in passato i corrieri andavano avanti e indietro tra la stazione di distribuzione e le diverse destinazioni di consegna ma ora, grazie alla cooperazione con i robot, le persone devono solo dare istruzioni e questi dispositivi fanno il resto.

Il settore cinese dell’e-commerce, in rapida crescita, sta dando forma alla propria industria logistica, rendendola più intelligente grazie a tecnologie all’avanguardia introdotte in materia di stoccaggio, trasporto e consegna. Secondo un rapporto pubblicato dall’agenzia di consulenza cinese iiMedia Research, nel 2018 il mercato della logistica intelligente ha superato i 400 miliardi di yuan (58 miliardi di dollari USA), una cifra che dovrebbe raggiungere i 1.000 miliardi di yuan entro il 2025. A maggio, il braccio logistico del colosso cinese Alibaba, Cainiao Network Technology, ha annunciato l’intenzione di collegare 100 milioni di dispositivi intelligenti con i corrieri partner per digitalizzare e accelerare il procedimento di consegna. Lo sviluppo di robot logistici con l’aiuto delle tecnologie dei big data e dell’intelligenza artificiale rappresenta ormai una nuova tendenza, cresciuta gradualmente nel tempo. L’anno scorso, oltre 20 robot per le consegne a guida autonoma di JD.com hanno cominciato a circolare per la prima volta per le strade di Pechino, consegnando la merce acquistata sulla piattaforma.
Aperta lo scorso anno a Changsha, in Hunan, la prima stazione di consegna robotizzata del gigante cinese dell’e-commerce dispone di un team di 20 corrieri robot capaci di servire la clientela entro un raggio di 5 chilometri dal centro logistico e di gestire 2.000 consegne al giorno. Lo scorso anno l’azienda ha fatto sapere di aver collaborato con il costruttore cinese di automi Siasun per sviluppare robot logistici e aumentare l’automazione dalla fase dell’ordine a quella della consegna. Entro la fine del 2023, la piattaforma cinese rinnoverà 800 centri logistici a livello nazionale con tecnologie di intelligenza artificiale. Secondo Ma Xiaoyong, impiegato presso il citato centro logistico di Guiyang, i robot non solo permettono di migliorare l’efficienza delle consegne e di far risparmiare sui costi di manodopera, ma possono anche aiutare a promuovere lo sviluppo dell’economia digitale e a condurre analisi dei volti degli utenti attraverso i big data. «Produrranno inoltre nuove opportunità di lavoro, come posti per il personale addetto al monitoraggio del back-office e impiegati alla manutenzione», ha concluso Ma.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››