SERVICES

EDSS, uno strumento di supporto decisionale attivo per la sicurezza di navi in condizioni di emergenza

Comandanti ed ufficiali segnalano spesso una sostanziale carenza di informazioni necessarie per gestire una situazione di emergenza a bordo di una nave derivante da falla e conseguente allagamento della nave. Resterà a galla? Il tempo rimasto è sufficiente per abbandonarla? A queste domande risponde il progetto EDSS (Emergency Decision Support System), guidato da MarineLAB doo, piccola impresa slovena, in partnership con SEASTEMA S.p.A., società del gruppo Fincantieri, leader nei sistemi di automazione navale. Il progetto, cofinanziato dal fondo europeo di sviluppo regionale del Programma Operativo Regionale del Friuli Venezia Giulia, ha inoltre coinvolto l’Università degli Studi di Trieste, che ha operato tramite l’Integrated Ship Design Laboratory (ISD Lab) e il Maritime Technology Cluster FVG, che ha svolto funzioni di coordinamento e diffusione dei risultati.

Lanciato il 5 maggio 2017, EDSS ha permesso di sviluppare un software che consente di migliorare la capacità di assumere decisioni corrette nella gestione delle situazioni di emergenza derivanti da una falla e conseguente allagamento di una nave, rispondendo ad una carenza di informazioni necessarie per gestire tali situazioni, rilevata anche dall’IMO, che ha reagito introducendo l’obbligo, per le grandi navi passeggeri costruite dopo il 2014, di installare a bordo un software di stabilità in grado di ottimizzare le azioni di risposta al danno. La documentazione obbligatoria e gli attuali software di stabilità però non forniscono un efficace sistema di supporto decisionale in caso di allagamento. Tale situazione è un fenomeno che si evolve nel tempo e spesso le condizioni più rischiose sono nascoste nelle fasi transitorie. Pertanto, solo uno strumento in grado di simulare l’evoluzione progressiva dello scenario nel “dominio del tempo” può rispondere alle domande che si pone un comandante dopo una collisione o un incaglio. EDSS risponde a questi interrogativi sin dalle prime fasi dell’ emergenza.

Nello specifico, lo strumento fornisce supporto al “damage control team” con un monitoraggio continuo della stabilità della nave, consentendo il rilevamento e la valutazione del danno e la sua progressiva evoluzione. Ciò facilita l’assunzione di contromisure consentendo di prevedere il loro effetto sulla stabilità e di valutare le conseguenze delle azioni già intraprese. Nato con l’obiettivo di sviluppare uno strumento di supporto decisionale attivo, in grado di fornire informazioni in tempo reale, in modo tale da garantire la sicurezza delle navi in condizioni di emergenza, EDSS va incontro principalmente alle priorità operative di molte parti interessate (armatori, cantieri navali e industria marittima) relativamente all’aggiornamento delle norme internazionali volte ad aumentare la sicurezza attiva e passiva della nave.

Va ricordato che i modelli per simulare una falla si basano su ipotesi e sono influenzati da incertezze o eventi imprevedibili, che potrebbero portare a una divergenza tra la simulazione e la situazione reale del processo di allagamento progressivo. Inoltre, le parti interessate (società di software, cantieri navali, operatori navali) hanno visioni e obiettivi diversi riguardo a un sistema di supporto decisionale di bordo, spesso opposti.

EDSS fornisce un’innovativa soluzione di compromesso tra le aspettative delle diverse parti interessate, introducendo un nuovo approccio per evitare il rischio connesso alle incertezze. L’affidabilità della simulazione viene continuamente controllata dai feedback dell’equipaggio e dell’automazione, migliorando l’affidabilità del sistema, mentre aumenta anche la consapevolezza dell’equipaggio in merito alla sicurezza della nave. In caso di difficoltà del software nel riprodurre l’effettiva evoluzione degli eventi, il sistema è programmato per fornire un ulteriore supporto decisionale, in modo da scoprire eventuali entrate d’acqua non rilevate e calcolare la situazione di equilibrio finale.

EDSS quindi può migliorare la sicurezza della nave anche nelle peggiori emergenze, aiutando il comandante a prendere le migliori decisioni per salvare la nave e proteggere la vita dei passeggeri e dell’equipaggio.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››