SERVICES

Carbonio, Ue e Svizzera verso lo scambio di quote

Bruxelles - L’Unione europea e la Svizzera fanno un passo decisivo verso il collegamento tra i rispettivi sistemi per lo scambio di quote di carbonio.

Bruxelles - L’Unione europea e la Svizzera fanno un passo decisivo verso il collegamento tra i rispettivi sistemi per lo scambio di quote di carbonio. Non si tratta di una fusione, quanto di una connessione tra i due mercati (che nell’Ue si chiama Ets), nati per spingere i grandi impianti industriali a tagliare le emissioni climalteranti. L’accordo, che promette più opportunità per le imprese di ridurre le emissioni, potrà essere firmato una volta passato l’esame di Consiglio ed Europarlamento, e ratificato dalla Svizzera.
Secondo le stime della Commissione europea potrebbe entrare in vigore nel 2019. Dopo, con tutta probabilità, le parti dovranno tornare a confrontarsi perché l’accordo Ue-Svizzera copre l’Ets fino al 2020 e l’Ue sta riformando il sistema per allinearlo agli impegni dell’accordo di Parigi sul clima.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››